soddisfazione del cliente
|
|
Meglio un cliente soddisfatto o un cliente fedele? Scegli il modello in base agli obiettivi

Meglio un cliente soddisfatto o un cliente fedele? Scegli il modello in base agli obiettivi

Il modello NPS Net Promoter Score vs Servqual: due metodologie efficaci ed affidabili.

Nel corso degli anni per misurare la soddisfazione e la fidelizzazione del cliente sono stati sviluppati diversi modelli. Alcuni hanno avuto più fortuna, altri meno; ognuno ha comunque cercato di mettere in luce un aspetto particolare della relazione e del sentiment che lega l’azienda al cliente.

Oggi i modelli più accreditati dagli esperti e più diffusi nell’analisi delle imprese sono due: il modello Net Promoter Score (NPS) e il modello Modello Servqual o di Parasuraman.

Vediamo le loro caratteristiche, i vantaggi e i punti deboli per orientarci nella scelta del modello più adatto all’analisi che vogliamo del nostro cliente.

 

Net Promoter Score o NPS

Net Promoter Score (NPS) è uno strumento di gestione che si usa per valutare la fedeltà nella relazione impresa-cliente.

L’indicatore NPS è un indicatore sintetico del livello di soddisfazione globale della clientela rispetto al prodotto/servizio esaminato, che misura la proporzione di “promotori” di un prodotto, marca o servizio, rispetto ai “detrattori”.

Il numero può andare da -100 (tutti sono detrattori) a +100 (tutti sono promotori). Su questa scala, valori superiori a 20 punti sono già da considerarsi buoni mentre oltre i 50 punti si parla di eccellenza.

Il modello si basa su un’unica domanda da sottoporre a chi ha utilizzato il prodotto o servizio: Con quale probabilità (su una scala da 0 a 10) consiglieresti questo prodotto/servizio/sito a un amico o a un collega?

Il modello individua, in base al valore da 0 a 10 indicato, tre tipologie di clienti:

  • detrattori (voto da 0 a 6): clienti scontenti che potrebbero parlare male del brand
  • passivi (voto da 7 a 8): clienti neutrali, che restano fuori dal calcoli NPS
  • promotori (voto da 9 a 10): clienti fedeli che riacquisteranno il prodotto e lo consiglieranno ad altri

 

Modello Servqual o di Parasuraman

Si tratta di una metodologia quantitativa standardizzata, sviluppata per misurare il giudizio dei clienti in maniera specifica sulla qualità dei servizi.

Il modello ServQual permette di confrontare le attese e le percezioni dell’utenza relativamente a uno specifico servizio e si basa su una serie di 22 domande predefinite, che si sviluppano su 5 dimensioni:

  • Elementi tangibili: aspetto delle strutture fisiche, delle attrezzature e del personale
  • Affidabilità: capacità di erogare il servizio promesso in modo affidabile e preciso
  • Capacità di risposta: volontà di aiutare i clienti e di fornire il servizio con prontezza
  • Capacità di rassicurazione: competenza e cortesia degli impiegati che ispira fiducia
  • Empatia: assistenza premurosa e personalizzata riservata ai clienti

Il confronto puntuale tra le aspettative e le percezioni reali genera una mappa precisa delle direzioni strategiche in cui i reparti interni dell’azienda possono muoversi.

Il questionario standard utilizza per ogni domanda una scala numerica da 1 a 7. La standardizzazione e la facilità d’uso sono il punto di forza del modello, perché rendono molto semplice il confronto tra rilevazioni fatte in tempi diversi o tra organizzazioni diverse.

 

Qual è la scelta migliore per la tua azienda? Vediamo le caratteristiche dei due modelli a confronto:

Il nostro servizio CLASS di GAP si serve di entrambi i modelli: l’azienda committente può sceglierli in alternativa o in maniera complementare, a seconda delle proprie necessità. Il passo successivo è la personalizzazione del survey, con la costruzione di domande specifiche pensate insieme al cliente per la rilevazione puntuale e mirata dei dati di maggiore interesse per il business del cliente.

 

Vuoi saperne di più su Class sui migliori metodi

per misurare la Customer Satisfaction?

Scarica gratuitamente il nostro white paper

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Categorie articoli

Categorie

Potrebbero interessarti anche

Vuoi saperne di più?

Scarica gratuitamente la nostra guida su come migliorare la Customer Retention della tua azienda