voicebot integrati
|
|
Come disegnare un bot vocale che si integra nella tua strategia aziendale

Come disegnare un bot vocale che si integra nella tua strategia aziendale

Sviluppare un assistente virtuale è un processo impegnativo. Affidati a un esperto per massimizzare i vantaggi aziendali.

L’idea alla base della creazione di un assistente vocale è che esso faccia da assistente personale e supporti l’umano sia nell’esecuzione di piccoli compiti sia nella risposta alle domande poste.

Basati su tecnologie AI (Artificial Intelligence o Intelligenza Artificiale), questi bot utilizzano algoritmi di deep learning, elaborazione del linguaggio naturale e machine learning per imitare le interazioni umane. Gli assistenti virtuali richiedono enormi quantità di dati per interpretare e prevedere correttamente quale sia la risposta corretta da dare al proprio interlocutore.

Sviluppare il tuo assistente vocale può essere un compito molto impegnativo. Per questo è bene affidarsi a degli esperti in modo da creare un bot non solo utile ed efficace, ma anche efficiente e piacevole da usare. E che soprattutto si adatti alla tua strategia aziendale.

 

Vuoi saperne di più sugli assistenti vocali basati sull’intelligenza Artificiale

e sulle nostre soluzioni targate GAP? 

Scarica il nostro white paper gratuito

 

Per assicurarti che il progetto di voicebot si allinei ai tuoi obiettivi aziendali e sia destinato al successo, basta seguire questi cinque passaggi:

 

1. DEFINISCI LA TUA STRATEGIA COMPETITIVA

Per definire la tua strategia competitiva, può essere utile seguire il modello Discipline del Valore (Value Discipline) di Michael Treacy e Fred Wiersema. Il modello individua tre discipline di valore: eccellenza operativa, vicinanza ai clienti e leadership di prodotto. Devi scegliere una di queste per il tuo business e agire su quest’elemento in modo coerente e deciso. La disciplina del valore scelta è un elemento chiave, perché influenza la futura organizzazione dei passi per costruire il Bot che si adatta alla perfezione alla tua strategia.

Un’altro strumento utile per sviluppare il tuo assistente virtuale è di fare una SWOT analysis a livello di Customer Experience. Cerca di capire come vuoi disegnare l’esperienza del cliente per promuovere i tuoi punti di Forza, rimuovere le tue Debolezze, sfruttare le tue Opportunità e ridurre al minimo le tue Minacce.

Un’altra scelta fondamentale è quella del ruolo che svolge il tuo assistente virtuale: quali funzioni svolge? come si relaziona con l’interlocutore? qual è la sua personalità?

Ecco una tabella da cui trarre ispirazione per i diversi ruoli che il tuo bot può avere:

Fonte: fourcast.io

 

2.VISUALIZZA I PROCESSI COME CONVERSAZIONI

Una volta fatti questi passi, avrai già individuato le caratteristiche principali, i punti di forza e probabilmente anche qualche criticità del progetto legata ai tuoi processi aziendali.

È il momento perfetto per reinventare i tuoi processi aziendali come conversazioni. Trasformare i processi in conversazioni ti permette di identificare i punti di miglioramento nel processo aziendale stesso. Il tuo compito è quindi anche capire le interazioni che il tuo pubblico ha già con la tua azienda. Oltre che elaborare il disegno della conversazione che costituisce la dorsale del tuo Bot.

 

 

3.METTI INSIEME LA SQUADRA PERFETTA

Prima di immergerti nel processo di creazione del tuo voicebot, devi aver già individuato il dream team che lavorerà con te per la realizzazione di un bot di successo.

Per costruire un assistente virtuale hai bisogno di queste professionalità:

  • cloud developer, che sviluppa il backend
  • Architetto del bot, che disegna il bot vero e proprio
  • Conversation designer, si occupa dell’interfaccia conversazionale
  • Project manager, coordina e segue lo sviluppo
  • Responsabile di prodotto, fornisce le informazioni di marketing

 

 

4.DEFINISCI IL DNA DEL SERVIZIO

Il tuo chatbot ha un ambito ristretto o ampio? Sarà reattivo o proattivo? Darà informazioni o farà cose? Le risposte a questo tipo di domande formano il DNA di servizio del tuo bot.

Per determinare il DNA di servizio del tuo bot, abbiamo creato delle barre di scorrimento che ti guidano nell’allineamento di tutti gli aspetti – dal ruolo ai valori, che hai assegnato al bot:

 

Fonte:fourcast.io

 

È anche un controllo per assicurarsi che tu sia focalizzato e che debba allinearsi perfettamente con i ruoli che assumerà il tuo bot più la disciplina del valore a cui aderisce.

 

5.CREA IL TUO FLUSSO DI CONVERSAZIONE E CORREGGI ON THE GO

Questo è il momento più emozionante, quello in cui il tuo bot prende vita. La cosa più importante da ricordare è che non devi pensare in modo lineare. Ti consigliamo di utilizzare i post-it per iniziare a creare il tuo flusso di conversazione mantenendo una visione d’insieme e rimanendo flessibile. L’ordine corretto è: fai il prototipo, testa e reitera il tuo flusso. Tieni presente che questo sarà un lavoro costante in particolare nelle settimane seguenti la creazione del tuo assistente virtuale. Se dopo numerose revisioni ti senti soddisfatto del risultato, ricorda comunque che, una volta che il tuo bot si troverà a interagire con una grande quantità di persone, ci saranno inevitabilmente degli errori e delle imprecisioni: l’importante è procedere alla revisione di tutti gli errori con metodo e continuità.

Accertarsi che il progetto di voicebot sia completamente allineato con la propria strategia aziendale è un primo passo cruciale. Seguire questi 5 passi ti aiuta a raggiungere l’obiettivo: ma il grosso del lavoro lo fai tu mettendoci la tua creatività e rispettando i tuoi valori aziendali.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Categorie articoli

Categorie

Potrebbero interessarti anche

Vuoi saperne di più?

Scarica gratuitamente la nostra guida  “Il centralino intelligente al servizio del business”