|
|
Assistente virtuale: i consigli per conversare con l’AI

Assistente virtuale: i consigli per conversare con l’AI

ChatBot e assistente virtuale: sono sempre più numerose le aziende italiane che hanno deciso di adottare sistemi automatizzati di Intelligenza Artificiale.

Abbiamo già analizzato i vantaggi di un’assistente virtuale dedicando all’argomento un articolo specifico. Oggi guardiamo il tema da un differente punto di vista, quello cioè dell’utente che si trova a conversare con un’assistente virtuale

Sarà sicuramente capitato anche a te di chattare con un ChatBot o chiamare un’azienda e parlare con un’assistente virtuale.

Probabilmente, soprattutto le prime volte, ti sarai sentito spaesato e poco pronto ad interagire al meglio con qualcuno di non-umano

È normale provare questa sensazione.

Per questo motivo abbiamo raccolto 4 utili consigli, più uno bonus, che potrai tenere in considerazione per farti trovare preparato la prossima volta che avrai una conversazione con un’assistente virtuale.

  • Chiedi in poche parole. Quando parli con applicazioni basate sull’intelligenza artificiale e sistemi di machine learning, sebbene siano tecnologie evolute tanto da assomigliare ad una conversazione “umana”, sii breve, chiaro e vai subito al punto. È indubbio che l’educazione sia importante ma l’assistente vocale non ha bisogno di saluti o ringraziamenti. Utilizza un linguaggio sintetico e semplice, sarà quello più efficace per ricevere le risposte che cerchi.

 

  • Assistente virtuale e riservata. Sentiti tranquillo di chiedere tutto ciò che ti serve, anche nel caso in cui fossero informazioni più “delicate” come appuntamenti per prestazioni mediche o legate al sistema bancario. L’assistente virtuale garantisce una conversazione nella massima riservatezza. In particolare, CareN, l’assistente virtuale di GAP, è stata sviluppata in modo etico e perfettamente idoneo alle linee stilate dalla Commissione Europea per gli sviluppi tecnologici dell’intelligenza artificiale. Supervisione umana, robustezza, sicurezza, privacy, data governance, trasparenza, diversity, benessere e responsabilità sono assolutamente garantiti.

Scarica Gratuitamente la nostra guida

Il centralino intelligente al servizio del business 

  • Parla sinceramente. L’azienda che ha installato la tecnologia di questi software ha investito molto nel progetto di adozione di un’assistente vocale. Per capire e rendersi conto dell’efficienza del servizio potrebbe decidere di attivare la sentiment analysis, ovvero un’analisi che aiuta l’azienda a comprendere quanto siano graditi i servizi, tra cui l’esperienza con il voicebot. Per farlo si basano sulle sensazioni e le votazioni che, eventualmente, ti vengono chieste durante la chiamata. Rispondi sinceramente. La tua opinione aiuterà a migliorare ulteriormente il servizio.
  • Risposta immediata. Hai presente l’antipatica sensazione delle lunghe attese prima che qualcuno risponda? O il labirinto di numeri da premere per poter arrivare alla persona di cui hai bisogno? Sempre che tu ci riesca prima di perderti tra le cifre e dover ricominciare da capo. Con il supporto del customer care automatizzato avrai risposta immediata. I sistemi più avanzati risolvono la tua questione in autonomia ma, se avessi una particolare richiesta alla quale il voichebot non sa rispondere, puoi chiedere di parlare con una persona umana: sarai messo in contatto con qualcuno del team. 

Ti abbiamo fornito 4 consigli per prendere confidenza con l’assistente vocale e parlare con lei nel modo più efficace possibile. Questi punti ti saranno d’aiuto la prossima volta. E adesso, come promesso, vediamo il suggerimento bonus.

  • Chi sei? L’assistente virtuale ti risponde! La novità di CareN è esattamente questa. È lecito chiedere “chi sei” quando parliamo al telefono con qualcuno. Con l’ultimo aggiornamento, CareN è in grado di rispondere a questa domanda. Un’ulteriore skill raggiunta dall’assistente virtuale di GAP che contribuisce a renderla ancora più “umana”. Questa caratteristica contribuisce a mettere a proprio agio tutti, anche chi non è ancora nell’ottica di conversare con un software.

GAP, ha progettato e sviluppato CareN per aiutare le aziende a gestire il proprio customer care in maniera efficiente e garantire la migliore esperienza alle persone. Affinché tutto funzioni al meglio è necessario anche mettere la tecnologia in condizione di poterci aiutare. Seguendo le accortezze di cui abbiamo parlato nell’articolo, sarà più semplice interagire con i sistemi automatizzati.

Le conversazioni saranno gestite in modo rapido. Senza attese e in qualunque momento della giornata: quando sei libero tu.

Nessun vincolo quindi di giorno o orario. L’assistente vocale rivoluziona l’esperienza della Customer Care.

CareN offre ulteriori e molteplici vantaggi: scoprili subito.

 

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Categorie articoli

Categorie

Potrebbero interessarti anche

Vuoi saperne di più?

Scarica gratuitamente la nostra guida  “Il centralino intelligente al servizio del business”